Camper: quando il frigo non raffredda…

Camper: quanto il frigo non raffredda

Nel tuo camper il frigorifero non raffredda abbastanza?
Ecco l’articolo che fa per te. Qui trovi caratteristiche e soluzioni per il tuo frigo.

Iniziamo subito con dire che il frigo camper non ha le stesse caratteristiche ed efficienze di quello di casa. In particolare, quando fa molto caldo, il suo rendimento cala drasticamente perché è basato sul principio di evaporazione e condensazione di una miscela di ammoniaca (e non di un gas refrigerante con l’ausilio di un compressore come quello di casa) a meno che non si tratti di un frigo di nuova generazione come i così chiamati quadrivalenti.

 

Il frigo camper: come funziona (frigo trivalente)

Il ciclo di raffreddamento delle miscele di ammoniaca si ottiene riscaldando la miscela per poi farla evaporare ed ottenere così una sottrazione di calore. Il riscaldamento si ottiene in tre modi diversi:
– con una resistenza elettrica alimentata a 12V
– con una resistenza elettrica alimentata a 220V
– con un riscaldatore a gas gpl
Da qui il nome trivalente.

Sarebbe più corretto però chiamarlo con il nome di chi, nel lontano 1930, lo ha ideato e brevettato, si tratta niente meno che del più brillante scienziato dell’ultimo secolo, Albert Einstein.

 

Questo principio di funzionamento è l’unico che può essere utilizzato senza l’utilizzo dell’energia elettrica. Il sistema è quindi ideale per i veicoli ricreazionali, ma sta tornando alla ribalta anche in altri ambiti in sostituzione dei sistemi che utilizzano diversi tipi di gas freon, ritenuti dannosi per l’ambiente. Ci sono anche progetti che si basano sullo stesso principio di Einstein rivisto però in chiave moderna attraverso campi magnetici, ma questa è un’altra storia; se ti interessa puoi approfondire visitando il sito della Camfridge.

Da queste premesse si evidenzi perché è stato scelto questo sistema, che richiede poca energia ed è possibile utilizzarlo anche in assenza di alimentazione elettrica, situazione che si verifica nei camper.

 

Il frigo non raffredda abbastanza. Come aumentare l’efficienza

Questa è un’esperienza diffusa tra i camperesti che fanno le vacanze in piena estate.
Se il tuo camper ha un po’ di anni alle spalle sentirai ancora di più questa necessità, perché il tempo incide su tutti gli elementi causando cali naturali di efficienza.

Ci capita spesso di aiutare i nostri clienti rassicurandoli che il loro frigo funziona, che non devono affrontare grosse spese e che possono adottare semplici accorgimenti che aiuteranno molto il funzionamento.

Vediamo i principali accorgimenti da adottare per aumentare l’efficienza di raffreddamento:

Prima di partire
Il primo accorgimento utile è quello di collegare il camper all’energia elettrica di casa prima di partire, anche uno o più giorni prima. In questo modo, oltre a caricare bene la batteria dei servizi abitativi, avremo la possibilità di accendere il frigorifero e di dargli il tempo di raffreddarsi bene prima di partire. Se ci sono in dotazione delle ventole di raffreddamento avviare anche quelle. In questa fase è opportuno anche inserire nel frigorifero le pietanze liquide, quelle da bere, così si raffredderanno e costituiranno loro stesse una fonte di mantenimento del fresco. Quando il frigo sarà a temperatura di esercizio si possono utilizzare dei piccoli accumulatori di freddo, i semplici contenitori di ghiaccio che si utilizzano per mantenere il fresco nei frigoriferi portatili o nelle borse frigo, tecnicamente chiamati piastre eutettiche o più comunemente tavolette di ghiaccio, ghiaccioli e altri nomignoli. Tenuti sotto ghiaccio nel freezer di casa, si possono utilizzare come aiuto nel camper. Se ne devono utilizzare almeno due, ma se fa molto caldo anche tre. Uno lo posizioniamo nella parte frigo prima della partenza, mentre gli altri li terremo nella piccola ghiacciaia.

Frigo camper in viaggio
Durante il viaggio utilizza in frigorifero in alimentazione a 12 Volt, lasciare le ventole a velocità minima (se disponibili) e aprire la portella per tempi più brevi possibili. Ogni tanto bisogna controllare lo stato della tavoletta di ghiaccio che abbiamo messo nella parte frigo. Se questa è tornata allo stato liquido la scambieremo con una di quelle posizionate nella celletta freezer: un sistema molto efficiente e costo zero.

Frigo camper in sosta
Se abbiamo la fortuna di sostare in un’area attrezzata con corrente elettrica o in un campeggio è sempre bene avere il camper + orizzontale possibile, collegarlo alla rete elettrica e far funzionare il frigorifero in alimentazione a 220V.
Se non c’è questa possibilità non ci resta che farlo funzionare a gas e limitare il più possibile l’utilizzo delle eventuali ventole di raffreddamento.
In questa situazione si dovrà aumentare la frequenza dello scambio di tavolette ghiacciate.

Tendine parafrigo per il camper
Un’ulteriore piccola accortezza, seppur di modesto aiuto, è quella di utilizzare delle tendine protettive chiamate appunto parafrigo, per proteggere l’area di dissipazione del calore dai raggi solari e da forti correnti d’aria e aiutare così la fuoriuscita di aria calda. Per aumentare questo effetto si possono anche togliere le griglie esterne.

Manutenzione
Mantenere le griglie di areazione pulite aiuta la dissipazione del calore. La pulizia delle guarnizione della porta frigo aiuta a mantenere una buona tenuta e quindi il fresco all’interno.
Per l’utilizzo a gas è importante che la fiamma sia buona e la caldaia pulita, occorre quindi pulire periodicamente questa parte dell’impianto.

Kit di ventole di raffreddamento
Se il tuo frigo camper non è già dotato di ventole per dissipare il calore, si possono installare degli appositi kit che trovi in commercio, ma è meglio se fai fare questa operazione ad un esperto a meno che tu non lo sia.
Da tenere comunque presente che le ventole, trovandosi tra il dissipatore e le griglie di areazione, sono d’aiuto se in funzione e un po’ d’ostacolo alla dissipazione quando sono spente.

Trasformare il frigo trivalente in quadrivalente
Oggi è possibile anche trasformare il proprio frigo da trivalente a quadrivalente seppur con qualche limitazione.
Ci sono aziende specializzate a cui si può inviare il frigorifero per far fare la modifica: chiedi al tuo manutentore di fiducia.

 

Il frigo camper non va proprio?

Se hai invece problematiche più impegnative ecco che allora ti consigliamo di passare dal tuo manutentore di fiducia che saprà affiancarti per le parti meccaniche, elettriche e i pezzi di ricambio.
A 2 passi da Udine trovi noi di Autofficina Autronica a Feletto Umberto. Siamo camperisti e trattiamo i mezzi con la massima attenzione e preparazione, perché il camper è la nostra passione.

 

RICHIEDI ASSISTENZA FRIGO CAMPER

Inviaci richiesta. Ti rispondiamo in giornata





 

 

Se ti è piaciuto questo articolo iscriviti alla newsletter e seguici su Facebook.
Entrerai nella nostra Community con curiosità, notizie e promozioni dedicate a te.